Our Recent Posts

Please reload

Archive

Please reload

Tags

Please reload

Banche: le più convenienti!

February 5, 2019

 

Secondo dati forniti dalla Banca d'Italia negli ultimi tre mesi la spesa media annua dei conti correnti è salita di oltre il 3%.

Anche le banche web non propongono più l'accensione e il mantenimento del c/c totalmente a zero euro, andiamo ad analizzare i costi dei vari istituti di credito alternativi:

 

 

ING - Conto Corrente Arancio:

 

Per i giovani costa 17 €/annui. 

Per le famiglie ad operatività alta circa 24 €/annui. 

Media di 20 € circa.

 

Widiba - Conto Flat:

 

Per i giovani costa circa 24€/annui.

Per le famiglie ad operatività alta circa 24 €/annui.

Media di 24 €/annui.

 

CheBanca! - Conto Yellow:

 

Per i giovani costa circa 12€/annui. 

Per le famiglie ad operatività alta circa 36 €/annui. 

Media di 24 €/annui.

 

Fineco - Conto Fineco:

 

Per i giovani costa circa 13€/annui. 

Per le famiglie ad operatività alta circa 25 €/annui. 

Media di 19€/annui.

 

Hello Bank- Conto Hello! Money:

 

Per i giovani costa circa 12€/annui.

Per le famiglie ad operatività alta circa 58 €/annui. 

Media di 35€/annui.

 

IWBank- Conto IW conto:

 

Per i giovani costa circa 39 €/annui.

Per le famiglie ad operatività alta circa 4 €/annui. 

Media di 21 €/annui.

 

 

Webank- Conto Webank:

 

Per i giovani costa circa 10€/annui

Per le famiglie ad operatività alta circa 5 €/annui. 

Media di 7,5 €/annui.

 

 

Banca Sella - Conto Websella:

 

Per i giovani costa circa 23 €/annui.

Per le famiglie ad operatività alta circa 34 €/annui. 

Media di 28 €/annui.

 

Tra gli 8 invece delle banche tradizionali abbiamo selezionato:

 

Unicredit - My Genius Gold:

 

Per i giovani costa circa 135 €/annui.

Per le famiglie ad operatività alta circa 120 €/annui. 

Media di 127 €/annui.

 

Intesa- Xme:

 

Per i giovani costa circa 47 €/annui.

Per le famiglie ad operatività alta circa 195 €/annui. 

Media di 121 €/annui.

 

Mps- MioPlus

 

Per i giovani costa circa 73 €/annui.

Per le famiglie ad operatività alta circa 90 €/annui. 

Media di 81 €/annui.

 

Bnl - In novo Pratico New

 

Per i giovani costa circa 118 €/annui.

Per le famiglie ad operatività alta circa 174 €/annui. 

Media di 146 €/annui.

 

 

Poste Italiane- Bancopostapiù:

 

Per i giovani costa circa 108 €/annui.

Per le famiglie ad operatività alta circa 158 €/annui. 

Media di 133 €/annui.

 

Banca Reale - Silver reale

 

Per i giovani costa circa 72 €/annui.

Per le famiglie ad operatività alta circa 72 €/annui. 

Media di 72 €/annui.

 

Bpm - Youwelcome

 

Per i giovani costa circa 44 €/annui.

Per le famiglie ad operatività alta circa 85  €/annui. 

Media di 64 €/annui.

 

Ubi - Qubì

 

Per i giovani costa circa 42 €/annui.

Per le famiglie ad operatività alta circa 132 €/annui. 

Media di 87 €/annui.

 

 

Riflessioni e conclusioni:

Nella nostra analisi il rincaro è trainato da Poste che ha alzato il listino di media del 28 % rispetto a chi apriva il conto a novembre del 2018.

Una spiegazione che fornisce l'azienda è che sta investendo in tecnologia (vedi l'inaugurazione della nuova app) e vuole apportare valore al prodotto con un maggior costo.

 

Anche Unicredit ha alzato l'asticella del costo: + 7 % per le famiglie ad operatività media rispetto al 2018, + 10% per i giovani, + 8% per i pensionati o per le famiglie con bassa operatività.

 

La banca più cara resta Intesa che fino a due anni fa deteneva il record di più conveniente sul mercato delle tradizionali.

Questa politica è giustificata dal fatto, che l'ente trainato da Carlo Messina ha adottato una politica per cercare di sottrarre i giovani alle banche online.

L'incentivo infatti è arrivato l'anno scorso, grazie al nuovo conto Up che offre ad i minorenni la gestione totalmente gratuita: zero commissioni sui prelievi Bancomat in altre banche, zero commissioni sui bonifici online e bollo a carico della banca.

Sono 84 mila i conti correnti aperti con questo sistema. 

 

Ad oggi i sistemi bancari ed i servizi finanziari delle varie banche sono molto similari tra di loro, a fare la differenza probabilmente sarà l'interazione che il cliente avrà con il consulente di fiducia.

 

Riproduzione Riservata.

 

Please reload

©2018 by Morsi di economia.