Our Recent Posts

Please reload

Archive

Please reload

Tags

Please reload

Troppi soldi sul conto corrente? La tassa sulla liquidità erode i tuoi risparmi!

June 15, 2019

Soldi sotto al materasso, metodi più disparati e diversi dove nascondere i propri soldi e poi ci sono alcuni conti correnti con una liquidità eccessiva ferma da anni.

Tutte queste azioni non ci permettono di gestire al meglio i nostri risparmi, vediamo perché.

 

Gli ultimi dati di Bankitalia evidenziano come a fine dello scorso anno gli italiani avessero un stock di liquidità sui conti correnti pari a 1.400 miliardi di €. Il trend è stato in continua crescita anche negli ultimi anni nonostante la crisi economica, infatti solo nel 2018 l'incremento rispetto al 2017 è stato di 20 miliardi. 

 

Detenere liquidità eccessiva rispetto al proprio fabbisogno sul conto corrente, oltre a non portare nessun rendimento, arreca un costo di gestione medio di circa  50 € (fonte Bankitalia).

Questa scelta è principalmente caratterizzata dal fatto, che la platea media, non conosca i prodotti alternativi rispetto ai conti deposito ed i buoni fruttiferi.

Il cittadino medio o meglio il risparmiatore poco informato, conosce molto bene la cifra di un iphone o di uno smartphone, ma paradossalmente non ha nessuna nozione neppure minima, su come tutelare i propri risparmi. 

 

I soggetti che sono esposti ad un maggiore rischio sono coloro che detengono più di 100.000 € nei conti deposito/correnti, perché grazie alle regole del bail in, non si ha diritto alla restituzione della cifra in caso di fallimento dell'istituto di credito (fenomeno ultimamente frequente).

Un altro rischio può essere, visto il grosso debito che ha il nostro paese, che si possa verificare una patrimoniale. Una tassa sul patrimonio che aiuterebbe lo stato a migliorare i conti ma che vedrebbe molti depositi dei privati cittadini svuotarsi di qualche zero. 

 

Un costo implicito fisso è determinato inoltre dall'inflazione, che silenziosamente continua ad erodere i soldi detenuti sui conti correnti. Nel 2018 in Italia (dato sole24ore) si è aggirata sopra l'uno percento dato più alto dell'area euro, bruciando ben 10 miliardi di € di risparmi. 

 

Come si possono aiutare le persone a trovare metodi per gestire il proprio risparmio? 

Il consiglio migliore è quello di affidarsi a consulenti preparati che devono conoscere le vostre necessità a 360 gradi. 

Banche, assicurazioni o SGR non è importante, il fattore fondamentale è la professionalità e la preparazione dei professionisti.

Un consiglio pratico è quello di diversificare al massimo il vostro risparmio, ad esempio oggi le liquidità tradizionali oltre a non avere rendimento sono incentrate tutte su determinate aree. Esistono invece fondi, ancora poco diffusi in Italia che riescono ad ottimizzare la gestione dei soldi ed i ritorni sono positivi. Questo strumento è usato principalmente da i private banking, ovvero consulenti che detengono per ogni cliente un patrimonio di alto livello, ma questo meccanismo potrebbe esser benissimo adottato anche per i clienti meno abbienti. 

 

Per coloro che non hanno attualmente una grossa liquidità, ma che hanno delle entrate fisse deter

 

minate da uno stipendio stabile, il consiglio è di accendere una pensione complementare dove il vantaggio fiscale è molto interessante (deducibilità di 5.164 premi/annui versati). Insieme a questo piano, creare insieme al proprio consulente un pac, che possa investire su asset tradizionali e riconosciuti (evitare azioni di paesi rischiosi come Turchia, Argentina,Ecuador). 

 

Per coloro che hanno già una buona liquidità, oltre che affidarsi ad un professionista che possa consigliare prodotti consoni rispetto alle loro esigenze, il consiglio è quello di tutelarsi in coperture assicurative utili.

Siamo un popolo che, se escludiamo la copertura assicurativa obbligatoria auto, ricorre poco ad altre coperture. 

Si tengono i soldi sul conto corrente per far fronte ad alcune emergenze come: operarsi in strutture private in caso di bisogno, ripristinare eventuali danni alle nostre abitazioni, pagare una badante per i nostri genitori/cari ma non è una soluzione né economica né efficiente. 

In Italia spendiamo 100 miliardi di euro nel gioco d'azzardo ma soltanto, 4,8 nelle polizze assicurative (dato Istat) per tutelarsi dai grandi rischi...è tangibile che c'è qualcosa che non va.

 

(Riproduzione riservata)

 

 

Please reload

©2018 by Morsi di economia.