Our Recent Posts

Please reload

Archive

Please reload

Tags

Please reload

Canada: gli immigrati aiutano a crescere

March 15, 2020

 

 

Secondo uno studio del "Wall Street Journal" nel 2019 il Canada è sfuggito agli effetti del rallentamento dell'economia globale grazie all'espansione della popolazione favorita dall'immigrazione.

La crescita economica nel lungo periodo è di solito favorita da due fattori:

1-Forza lavoro in espansione.

2-Miglioramento della produttività (produzione per ora di lavoro).

 

Quando una nazione ha molti occupanti di norma la produzione di beni sale, vengono forniti più servizi e si ha un maggior guadagno con un maggior consumo per famiglia. 

Tutta questa catena porta alla fine inevitabilmente ad una domanda maggiore di altri lavoratori.

In Canada nel 2019 tutto ciò è successo grazie all'ampliamento della forza lavoro.

 

Secondo l'Ocse, nel 2019 la forza lavoro in Canada è aumentata del 2 % circa, alimentata maggiormente dall'immigrazione.

Nell'anno passato, seppur il paese abbia riscontrato un forte rallentamento negli scambi commerciali, è riuscito ad evitare una recessione economica grazie al boom dell'immigrazione che ha aumentato la forza lavoro e di conseguenza la catena economica sopra descritta.

 

L'aumento demografico del paese è stato importante:

Negli ultimi venti anni ha fatto registrato una media annua di circa l'1%.

 

Solo nel 2018 la popolazione è aumentata dell'1,4% e le stime del 2019 parlano dell'1,5%.

Sempre l'anno scorso il paese ha rilasciato circa 810 mila permessi a studenti e lavoratori temporanei stranieri. 

Questo afflusso,secondo gli economisti che studiano le finanze della nazione, ha contribuito a far espandere l'economia dell'1,5% nel 2019 (secondo posto dietro agli Stati Uniti).

 

Derek Holt, economista della banca di Scozia, sostiene che i più alti livelli d'immigrazione sono stati uno stimolo confrontabile ad un taglio dei tassi d'interesse compreso tra un quarto e la metà di punto di Pil. 

Dall'ottobre del 2018 la banca centrale canadese mantiene il costo del denaro all'1,75 percento (tasso più alto tra le economie dei paesi sviluppati).

Il coronavirus, sempre più presente anche nei paesi del continente americano, probabilmente sarà la principale causa dei tagli dei tassi che la banca centrale dovrà comunque inevitabilmente fare.

 

Un'altra branchia dell'economia che ha goduto dell'aumento della popolazione, è stata quella degli immobili.

I prezzi delle case a Toronto  sono tornati in aumento, stabilizzandosi anche a Vancouver, dove nel 2018 si erano abbassati. 

Il Canada beneficia di un sistema che favorisce gli immigrati in grado di trovare e mantenere un impiego.

Il 60 % dell'immigrati è selezionato in base a criteri come l'istruzione e le conoscenze linguistiche.

A differenza degli Stati Uniti, dove nonostante la formazione sia eccellente e la domanda di lavoro sia maggiore, il Canada riesce 

a collocare con lavori stabili ben l'80% delle persone che superano il principale criterio di selezione.

Efficienza, investimenti sulla qualità delle persone e integrazione permanente sono stati i tre principali motivi della crescita economica canadese, chissà che in futuro qualche altra nazione possa prendere esempio da questo bellissimo modello. 

 

Riproduzione riservata

 

Please reload

©2018 by Morsi di economia.